Salta al contenuto

Una famiglia povera che guarda con fiducia al futuro

C’era grande attesa per Marte Um di Gabriel Martins, film vincitore di numerosi premi in Brasile e nel mondo: le aspettative non sono state deluse. Infatti il pubblico del Bari Brasil Film Fest ha seguito con partecipazione le vicende dei Martin, famiglia nera povera che vive nella periferia di Belo Horizonte.

Come ha spiegato la direttrice artistica del festival Vanessa Mastrocessario Silva nella sua introduzione al film, i quattro componenti del nucleo famigliare riescono a guardare con ottimismo alle vicissitudini della vita.

Il piccolo Deivinho sogna di fare l’astrofisico per poter partecipare nel 2030 alla missione spaziale che punta a colonizzare Marte, ma deve fare i conti con i desideri del padre Wellington, un ex alcolista che vorrebbe per lui un futuro da calciatore professionista, per poter risolvere i problemi economici della famiglia. L’altra figlia, Eunice, vive con una giovane donna libera e vivace una storia d’amore che la porta a decidere di abbandonare la casa dei suoi. Infine c’è la madre Tércia, che crede di essere stata colpita da una maledizione e teme per i suoi cari.

“Marte Um” è un film sulla speranza – molto delicato, ben diretto e interpretato – che chiude con una nota positiva il cerchio di un’edizione che ha avuto come tema il cambiamento, la trasformazione e il riscatto di chi parte da condizioni sfavorevoli.

Al termine della proiezione, salutata dall’applauso del numeroso pubblico presente, Vanessa Mastrocessario Silva ha ringraziato tutti coloro che si sono impegnati per la riuscita del festival e anche i tanti spettatori, quelli affezionati che seguono la manifestazione dalla sua nascita, ma anche i nuovi arrivati di quest’anno.

Foto di Vito Signorile.

Scorri in cima