“Era o Hotel Cambridge” di Eliane Caffè a Bari il 9 ottobre

“Era o Hotel Cambridge”, l’opera dai contenuti più ‘politici’ di questa edizione del Bari Brasil Film Fest, si caratterizza per “una riuscita combinazione di forma e contenuto che riescono a coinvolgere intellettualmente ed emotivamente lo spettatore” (Ivonete Pinto, Fipresci), tanto da ricordare lo spirito di autori come Ken Loach. L’argomento trattato è quanto mai d’attualità: dato l’alto numero di senzatetto e rifugiati provenienti da altri Paesi, in Brasile va crescendo sempre più il fenomeno degli edifici vuoti occupati.

La regista Eliane Caffè, sceglie di affrontare questa tematica con una storia di finzione che però va ad inserirsi perfettamente nella realtà. Così entriamo nell’Hotel Cambridge, un edificio abbandonato nel centro di São Paulo (un vecchio e lussuoso albergo chiuso nel 2011), dove si ritrovano a vivere lavoratori senzatetto, palestinesi, siriani e rifugiati africani. Così lo spettatore è accompagnato all’interno di questo mondo eterogeneo, sul quale incombe la minaccia di uno sgombero da parte della polizia.

L’originale sceneggiatura, scritta dalla regista insieme a Luis Alberto de Abreu e Inês Figueiró, parte dall’edificio che i protagonisti stanno occupando per ambientare in ogni piano un capitolo della vicenda. La scelta vincente è quella di mescolare gli interpreti professionisti a veri e propri “attori sociali”, che vivono realmente nel contesto raccontato nel film. Lo stile di una simile opera di denuncia, che riesce a combinare finzione e documentario, deve per forza di cose essere improntato alla massima naturalezza, ad esempio con il maggior uso possibile della luce reale o con un montaggio che varia, adattandosi perfettamente ai diversi momenti della storia.

Un film di tale respiro non poteva lasciare indifferenti le giurie delle manifestazioni internazionali: vincitore nel 2016 del premio del pubblico e di quello della giuria Fipresci al Rio de Janeiro International Film Festival, dove si è portato a casa anche il riconoscimento per il montaggio, si è aggiudicato anche il Films in Progress Award al Festival di San Sebastián.

“Era o Hotel Cambridge” sarà in programma a Bari il 09 ottobre alle 21 (sempre con l’aperitivo brasiliano a partire dalle 20), alla presenza della sceneggiatrice Inês Figueiró; introdurrà il film Anton Giulio Mancino, docente di Semiologia del cinema presso le facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università degli Studi di Bari e dell’Università degli Studi di Macerata.

 

Vincenzo Camaggio